DG De Rensis: "Nonostante sconfitte in casa, restiamo competitivi"

25.11.2019 09:37 di Tutto Siena Calcio   Vedi letture
DG De Rensis: "Nonostante sconfitte in casa, restiamo competitivi"

In sala stampa dopo la sconfitta con il Pontedera, le parole del direttore generale Antonio de Rensis: “Parlare dopo una sconfitta del genere non è semplice, la squadra ha giocato molto bene dominando completamente la partita. Mai come stavolta la squadra ha dimostrato il proprio potenziale, per onestà intellettuale dobbiamo questo alla presidente che, con grande serietà ed impegno, da sola, sta portando avanti un progetto faticoso ed importante al tempo stesso. La squadra è di alto livello, siamo a tre punti dal secondo posto nel campionato degli umani, questo è merito del nostro direttore Vaira e dei suoi collaboratori: è lui che ha scelto i giocatori e l’allenatore. Le difficoltà ci sono, pero’ siamo competitivi da tre anni: questa società grazie alla signora Durio, al vice presidente e al direttore, è protagonista da più di due anni, ha sfiorato una promozione, ha subito un’ingiustizia mai verificata nella storia del calcio, è ripartita senza piagnistei e sta facendo adesso un campionato di alto livello. Abbiamo perso delle partite in casa e siamo i primi a non essere contenti, se rimaniamo uniti, se apprezziamo e lasciamo lavorare le persone che godono della fiducia e dei risultati, facendo i conti alla fine forse possiamo disputare un campionato di altissimo livello. La presidente è da sola, sta portando avanti un progetto importante con grande determinazione, poi chi è che non spererebbe nell’arrivo di qualcuno che dice “ti aiuto e andiamo insieme a battere il Monza che paga i giocatori 300-400 mila euro”. Sono grato alla presidente e al direttore Vaira, oltre che a tutte le componenti della società: è grazie al loro lavoro quotidiano che oggi siamo qua, spero che tutte le componenti si rendano conto del grande impegno di tutti, non siamo infallibili ma dobbiamo essere anche realisti: il Monza è di uno degli uomini più ricchi del mondo”.