Ghirelli: "Serie B? Ci sono ancora in ballo l'Entella e le altre"

06.11.2018 23:20 di Tutto Siena Calcio  articolo letto 73 volte
Fonte: TuttoC.com
© foto di Francesco Scopece/TuttoLegaPro.com
Ghirelli: "Serie B? Ci sono ancora in ballo l'Entella e le altre"

Francesco Ghirelli, nuovo presidente della Lega Pro, è intervenuto in sala stampa e ha risposto alle domande dei giornalisti. "Devo dire che, può sembrare una banalità, mi aspettavo anche qualche problema in più. La Lega Pro la vivo, non sono arrivato ora. Vi è stata una grande partecipazione da parte dei presidenti, che a me ha colpito. Ho partecipato a tutti gli incontri che mi sono stati chiesti e quello che mi ha colpito di questi incontri e che sono stati frammentati. Ma c'era voglia di risolvere le questioni. Il vero problema è che noi siamo stati devastati in questi mesi. Quando si innesca un meccanismo che qualcuno ha detto esser di riforma, ha lacerato i contatti umani, non c'era necessità di condurre la questione in questo modo. Domani cercherà di andare a parlare con quei tifosi che hanno messo lo striscione a Pontedera, vogliamo operare per recuperare il dialogo con i tifosi. Pensiamo anche ai ragazzi dei settori giovanili che non hanno giocato. Abbiamo rotto un filo che era già fortemente incrinato. Qualcuno potrebbe dire che è meglio, perché abbiamo toccato il fondo e si può solo risalire. Ma non è così, bisogna lavorare, ovviamente sono preoccupato, se non lo fossi sarei un alieno. Ho però anche fiducia, perché c'è un presidente nuovo in Federcalcio, che farà mettere tutti intorno ad un tavolo. Sarà compito nostro prima di tutti ragionare con i presidenti, perché sono stati colpiti nelle identità delle regole. Su questo aspetto mi sento profondamente coinvolto. Dobbiamo rimetterci a parlare della palla che sta al centro del gioco". "Mi sarebbe piaciuto dialogare con la Lega B. Si è parlato di riforma. I numeri sono un silenzio assordante: noi siamo passati da 90 a 60 squadre, gli altri sono cresciuti. Ci siamo fatti un mazzo così e non abbiamo ricevuto nemmeno una telefonata. Non giudico se sia positiva o meno, ma quando introduci una cosa del genere le conseguenze sono inevitabili. Rimetteremo però tutto insieme e si ricostruira un percorso. C'è volontà di partecipare, ce la faremo, anche se è una fatica che ci potevamo risparmiare". "Sette promozioni? Il formato della B è a 22 squadre. Qualche settimana fa noi chiedevamo con una lettera sette promozioni e per noi ha una certa validità. I nostri presidenti ci chiedono, essendo stato violato un diritto, di ripristinarlo. Questo è un punto delicatissimo, se si rompe questa cosa non tiene più niente. Se si deve ragionare attorno alle riforme noi siamo disponibilissimi, vedremo se si andrà con la B a 20 squadre. Ancora non abbiamo chiuso con i Tribunali, c'è l'Entella e ci sono le altre. Il decreto del sottosegretario Giorgetti prevede che se c'è una sentenza va rispettata. Abbiamo lavorato per rimettere in piedi i recuperi. Sapete perché abbiamo dovuto far slittare la Coppa? Perché ci siamo accorti che alla nona giornata di ritorno avremmo dovuto far disputare il recupero della nona di andata. Sarebbe stato paradossale. Se la B chiederà una retrocessione in merito, vuol dire che sarà costretta a telefonarci, ma visto che non ci ha chiamato prima non è detto che noi risponderemo".