Le altre del Girone A: Carrarese, può essere un finale di stagione ricco di sorprese

 di Tutto Siena Calcio  articolo letto 29 volte
Fonte: TuttoC.com
© foto di Luca Marchesini/TuttoLegaPro.com
Le altre del Girone A: Carrarese, può essere un finale di stagione ricco di sorprese

Terza vittoria consecutiva sul punteggio di 2-0, quarto posto agganciato a pari merito con la Viterbese, che ha anche una gara in più: 52 punti conquistati in 32 gare giocate – e maturati a fronte di 15 vittorie e 7 pareggi, cui vanno aggiunte 10 sconfitte -, 54 gol fatti e 43 subiti.
Numeri non male per una squadra professionistica. Numeri eccellenti se si rapportano alla Carrarese, a questo punto maggior candidata al ruolo di outsider del Girone A, quando mancano solo 4 gare al termine della regular season. Perché, inutile girarci intorno, la formazione azzurra era probabilmente la più grande incognita del raggruppamento, e al tempo stesso la più grande scommessa da vincere.

Rivoluzione totale, sia a livello dirigenziale che di staff e squadra, dopo l'amara passata stagione, dove i marmiferi riuscirono a centrare l'agognata salvezza solo mediante i playout, con un campionato che aveva solo allontanato la gente della squadra. La stagione travagliata capita, e ripartire non è mai facile. Però l'arrivo di Silvio Baldini in panchina qualche curiosità l'aveva destata, un modo per riafffacciarsi alla Carrarese era stato trovato, ma, come dicevamo prima, c'era sotto una scommessa da vincere: il tecnico, dall'alto della sua esperienza, era lontano dal calcio giocato dal 6 ottobre 2011, quando venne esonerato dal Vicenza, e anche alcune sue scelte avevano forse fatto storcere il naso: squadra non giovane, anzi, i pilastri su cui si fondava erano Marco Marchionni e Francesco Tavano, attaccante di indubbio valore ma che a Prato, nella passata stagione, aveva dato l'idea di aver ormai finito il suo tempo nel professionismo, diventando la brutta copia del vero “Ciccio”. Ma un minimo di entusiasmo si era riacceso, e già il ritiro estivo, con la conseguente presentazione, mostrò la piazza più vicina alla squadra: certamente un buon modo di iniziare la stagione. Senza però troppe chiacchiere, parole poche, e fatti tanti: questo era l'obiettivo che si era prefissata la Carrarese 2.0.

E alla lunga i fatti hanno dato ragione a quel gruppo di “folli” che hanno deciso di ripartire: Tavano è tornato a essere un lusso per la categoria, tanto da mantenere, almeno per il momento, il primato di capocannoniere del Girone A, la classifica è più che positiva, i bilanci sono tornati a quadrare, i playoff non sono un miraggio ma una certezza. E che dire a esempio di Tommaso Biasci o Claudio Coralli? Che forse, a entrambi, qualcuno in passato avrebbe dovuto dar maggiore fiducia, perché meriterebbero di stare anche un gradino più su.
Ma il passato adesso non conta più, si guarda avanti: eccome, se si guarda avanti!