Serie C, il film della stagione: terza parte

08.07.2018 09:41 di Tutto Siena Calcio  articolo letto 63 volte
Fonte: TuttoC.com
Serie C, il film della stagione: terza parte

La stagione 2017/18 è andata in soffitta ma noi continuiamo a ripercorrerla, mese per mese, attraverso il terzo dei quattro appuntamenti fissi del fine settimana. Ecco quindi il racconto, da gennaio a marzo, delle vicende di terza serie che ci hanno accompagnato, fatto fremere, gioire e magari anche arrabbiarci. GENNAIO Venti giorni di pausa nel mese di gennaio per le squadre di Serie C che si godono in parte le vacanze e in parte i richiami di preparazione per farsi trovare pronti al rientro in campo. Calciomercato quindi che tiene banco e che trasforma il volto delle stesse squadre, ciascuno per cercare di dare la sterzata decisiva verso i propri obiettivi o invertire tendenze negative. Sviluppi societari Arezzo, Akragas, Siracusa - Si registra la cessione delle quote dell'Arezzo dalla Neos Solution alla Marco Matteoni Group, con lo stesso Marco Matteoni nuovo proprietario del club toscano, con Zavaglia e Di Iorio nel CdA: le cose però non si risolvono dato che Matteoni in conferenza stampa inizia subito mettendo in chiaro di non voler pagare cose non sue e puntualizzando che se la squadra vuole fare muro contro muro la società non si farà trovare impreparata. In casa Akragas invece si inizia a parlare di un dialogo con imprenditori stranieri, nello specifico iraniani. Si iniziano a sentire i primi scricchiolii in casa Siracusa, dove la scadenza del 18 dicembre viene rispettata solo nella parte che riguarda gli stipendi, ma non i contributi, con un possibile deferimento dietro l'angolo. Fallimento Vicenza - Mese caldo anche in casa Vicenza con la possibilità di messa in mora da parte dei giocatori e il conseguente svincolo: faccia a faccia quindi tra la squadra e Sanfilippo, ma come già successo col Modena sono i fatti a latitare tanto che lo stato di agitazione indetto dall'AIC è la naturale conseguenza (con silenzio stampa imposto dalla società). Quindi l'indagine della Guardia di Finanza e la richiesta della Procura, che chiede al Tribunale di disporre l'esercizio provvisorio. Richiesta che viene accolta, con la nomina così di un amministratore pro tempore, il commercialista Nerio De Bortoli. Emblematica la foto della squadra che cena al sacco dopo il successo di Teramo. Deferimenti - Fidelis Andria ed Arezzo le due società deferite per violazioni CO.VI.SO.C. nel mese di gennaio. Penalizzazioni - In secondo grado la penalizzazione precedentemente inflitta all'Arezzo scende a un solo punto, confermata quella della Fidelis Andria, così come il proscioglimento del Rende. Viene restituito un punto anche al Matera. Ricorso Vibonese - Nuova puntata riguardante la Vibonese visto che ancora non era terminato l'iter giuridico legato ai suoi ricorsi : la Corte Federale d'Appello a Sezioni Unite ha infatti discusso quello avverso la declaratoria di inammissibilità del precedente ricorso del 27 novembre, accogliendolo e annullando l’impugnata delibera. Per l’effetto lo stesso è stato rinviato al Tribunale Federale – Sezione Disciplinare, per provvedere nel merito. Classifica - Data la sosta invernale sono solo due le giornate disputate nel mese di gennaio, la terza e la quarta di ritorno: al termine di esse la classifica recita nel Girone A di un dominio del Livorno, primo con 6 punti di distacco dalla Robur Siena (fanalini di coda Gavorrano e Prato, a -7 dal Cuneo); nel Girone B fuga del Padova, con ben 8 lunghezze sul trio inseguitore formato da da Renate-Samb-Feralpisalò (Fano desolatamente ultimo e a 6 punti dalla coppia Santarcangelo-Teramo); nel Girone C duello tra Lecce e Catania, con i salentini che sopravanzano gli etnei di 4 lunghezze (fanalino di coda Akragas, a -9 dalla Paganese). Esoneri - Nonostante la sosta invernale risultano comunque due esoneri in questo mese: quello di Asta a Teramo (con l'avvento di Palladini) e quello di Mattei al Racing Fondi (che era a sua volta subentrato a Giannini e che viene sostituito da Sanderra). Caso doping - Roberto Bonaventura del Pontedera viene trovato positivo alla sostanza THC metabolita >DL in occasione del controllo effettuato al termine della gara di Alessandria. Il giocatore viene quindi sospeso dal Tribunale Nazionale Antidoping a titolo cautelare. La società granata annuncia la risoluzione. Coppa Italia Serie C - Erroneamente avevamo riportato l'evento della mancata disputa del derby Padova-Vicenza già nella seconda puntata. In effetti la gara si sarebbe dovuta disputare sabato 13 gennaio, ma appunto alla fine anche la Berretti aderì allo sciopero e non partì dal Menti in direzione Euganeo. Extra Serie C - Damiano Tommasi, presidente dell'Associazione Italiana Calciatori, si candida ufficialmente per la guida della FIGC. Gli altri due candidati sono Cosimo Sibilia, presidente LND, e Gabriele Gravina, presidente Lega Pro. Il 29 gennaio, giorno delle elezioni, si arriva fino al ballottaggio che però non dà esito: Cosimo Sibilia (LND) aveva chiesto di votare scheda bianca e così è stato fatto, per un totale di 297.80 voti cioè il 59.09%. Nessun eletto quindi, né lui che si è fermato a quota 1.85% né Gabriele Gravina (Lega Pro), che ha raggranellato il 39.06%. L'Assemblea elettiva non è riuscita a produrre un presidente e la palla passa al Coni e a Malagò per il commissariamento. FEBBRAIO Il mese di febbraio si apre con la comunicazione da parte della Lega Pro delle date della fase finale del campionato di Serie C, quindi playoff (da disputare nei mesi di maggio e giugno, con la finalissima a Pescara il 16) e playout (19 e 26 maggio). Situazioni societarie Arezzo, Trapani, Pontedera, Vicenza, Matera - Non c'è pace per l'Arezzo con il presidente Marco Matteoni che annuncia la stipula di un contratto preliminare per la cessione del 42% delle quote sociali ad un fondo d'investimento inglese. Stipendi che continuano a mancare e giocatori che minacciano lo sciopero, il quale arriva puntualmente con comunicato AIC. Subentra nuovamente anche la Neos Solution per dare delle risposte ai tesserati amaranto: risposte che comunque non arriveranno. Stato di agitazione che però proprio a fine mese viene revocato: "l’introduzione della procedura prefallimentare e degli altri giudizi riguardanti lo stato di insolvenza della società, unite all’interesse mostrato dalle istituzioni cittadine, accendono la speranza che possa esservi una soluzione nell’arco di poche settimane" si legge nella nota AIC. Terremoto in casa Trapani, dove i carabinieri del nucleo investigativo di Palermo e di Trapani danno esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo di beni, emesso dal Tribunale su richiesta della Procura della Repubblica di Palermo, nei confronti di Vittorio Morace, socio di maggioranza e presidente granata, a seguito delle indagini nell’operazione Mare Monstrum. Intanto a Pontedera Boschi resta ancora alla guida del club, che non è più da considerarsi in vendita. In casa Vicenza invece l'operazione cuore biancorosso dà i suoi frutti portando nelle casse del 'Lane' più di 80mila euro, che vanno ad aggiungersi ai 180mila raccolti con la personalizzazione dei seggiolini. Chiudiamo con Matera, dove i giocatori emanano una lunga lettera dove chiedono risposte alla società visto che "alcuni si sono visti corrispondere gli interi emolumenti fissi relativi alle mensilità di novembre e dicembre mentre altri, invece, solo quelli relativi ai mesi di novembre. Altri ancora, immotivatamente, nulla hanno percepito". La replica del club non si fa attendere e si parla di "situazione strumentalizzata". TFN - Dopo il deferimento arriva il patteggiamento e la squalifica di venti giorni per mister Gaetano Auteri, tecnico del Matera, al quale si somma un'ammenda di seimila euro "per aver espresso pubblicamente dichiarazioni lesive della reputazione, della competenza e della capacità professionale dell’arbitro della gara Materia – Juve Stabia, disputata in data 04/11/2017 e valevole per il campionato di Lega Pro; nonché per avere espresso dichiarazioni lesive della reputazione dell’intera classe arbitrale, della Lega Pro e di riflesso anche dell’istituzione federale nel suo complesso considerata". Identica multa anche per il club lucano, per responsabilità oggettiva. Deferimenti - Febbraio lascia in eredità un deferimento per alcune irregolarità amministrative risalenti alle scadenze economiche di dicembre diretto ad Arezzo, Akragas e Matera. Penalizzazioni - Dopo i deferimenti dei mesi scorsi, sono due i punti di penalizzazione per Arezzo e Fidelis Andria che porta in dote il mese di febbraio. Classifica - Quattro giornate del girone di ritorno disputate nel mese di febbraio. Al termine delle stesse le forze in campo erano le seguenti: nel Girone A la Robur Siena riesce a sopravanzare di punto il Livorno prendendosi la vetta (amaranto però con una gara in meno), mentre in coda il Gavorrano stacca il fanalino di coda Prato di 2 punti; nel Girone B sempre più fuga per il Padova, con 10 lunghezze di vantaggio sulla coppia inseguitrice Renate-Bassano, mentre in coda si riapre la lotta con un solo punto di distacco tra il fanalino di coda Fano e la coppia Santarcangelo-Teramo; nel Girone C infine è fuga anche per il Lecce, che sopravanza di 7 punti il Catania (che ha già effettuato il turno di riposo), mentre in coda è già incolmabile il gap che divide il fanalino di coda Akragas al trio Racing Fondi-Paganese-Fidelis Andria: ben 12 lunghezze di distacco. Cambi in panchina - Non solo tecnici sollevati dall'incarico in questo mese di febbraio, ma anche tecnici dimissionari: si parte con l'allontanamento di Zavettieri dal Bisceglie (e la promozione di Alberga), quindi le dimissioni di Serena alla Feralpisalò (con la soluzione ad interim Beggi e infine l'avvento di Toscano), poi l'esonero di Colucci a Pordenone (sostituito con il ritorno di Rossitto). Lo stesso giorno arrivano anche le dimissioni di Sannino alla Triestina (e la promozione del suo vice Princivalli). Si chiude la rassegna con l'esonero di Favo alla Paganese e l'avvento di De Sanzo, già vice di Matrecano. Coppa Italia Serie C - Questo mese è dedicato prima ai quarti da cui escono le magnifiche 4 che si contenderanno il trofeo in semifinale: Pontedera (2-1 al Padova), Cosenza (0-2 a Lecce), Viterbese (battuta ai rigori la Paganese) e Alessandria (1-0 al Renate). Poi all'andata di una delle due semifinali: Alessandria-Pontedera terminata a reti bianche. Extra Serie C - Roberto Fabbricini, segretario generale del Coni, viene nominato commissario straordinario della FIGC. Fabbricini viene coadiuvato dai subcommissari Alessandro Costacurta e Angelo Clarizia. MARZO Il mese di marzo si apre con la contestazione dei tifosi dell'Akragas, cui non sfugge neppure mister Di Napoli (che - lo vedremo qui sotto - verrà poi esonerato) e con la trattativa con gli iraniani che tra alti e bassi prosegue senza però addivenire ad una conclusione definitiva, ma soprattutto con la richiesta congiunta di Lega Pro e AIC di rinviare le gare dell'Arezzo che precederanno l’eventuale concessione dell’esercizio provvisorio per contribuire a garantire la piena regolarità dell’intera competizione sportiva. Situazioni societarie Lucchese, Trapani e Rende- La società Città Digitali Srl, proprietaria del 97% delle quote della Lucchese comunica ufficialmente di aver ricevuto un’offerta irrevocabile all’acquisto da parte della “Aigornetto Limited”, società di proprietà dell’imprenditore Lorenzo Grassini. L’atto prevede l’acquisto, una volta giunto a perfezionamento, dell’80% delle quote di proprietà di Città Digitali Srl. Alla luce delle azioni promosse dalla Procura della Repubblica di Palermo nei confronti di Vittorio Morace, presidente del Trapani, lo stesso ha preferito rassegnare le sue dimissioni al fine di potersi difendere dalle accuse che gli vengono mosse garantendo al contempo la massima serenità al club. L’assemblea dei soci ha pertanto nominato un amministratore tecnico, Paola Iracani, che permtterà di garantire la piena e serena operatività della società. All’indomani della scadenza del termine legato alla firma per la costruzione del nuovo “Marco Lorenzon”, ol presidente del Rende Fabio Coscarella decide di rassegnare le dimissioni dalla carica di numero uno della società biancorossa. Fallimento Arezzo - Il Tribunale decreta il fallimento dell'Arezzo e concede al club l'esercizio provvisorio per portare a termine la stagione. Lucio Francario e Vincenzo Ioffredi i curatori fallimentari. Caso Vibonese - Ancora una bocciatura per la Vibonese: il Tribunale Federale Nazionale, sezione Disciplinare, della FIGC ha dichiarato infondato e inammissibile il ricorso presentato dal club calabrese. Deferimenti - Nel mese di marzo sono Vicenza e Siracusa a finire deferite per violazioni Covisoc in un primo momento, poi giunge lo stesso provvedimento ai danni di Matera ed Akragas sempre per alcune irregolarità amministrative. Siracusa il cui nome è presente anche in un altro deferimento (insieme a Gaetano Cutrufo, Giuseppe Iodice e Manuel Daffara, Nicola Mancino e Salvatore Sandomenico) "per aver violato i doveri di lealtà probità e correttezza per aver, in concorso con altri, sottoscritto e prodotto documenti rilevanti per le verifiche della COVISOC e degli altri organi di controllo della FIGC, aventi ad oggetto rinunce economiche da parte di tesserati della società rispetto a quanto negozialmente pattuito tra le stesse parti, caratterizzati da falsità materiale e da mancanza di veridicità nel contenuto, stante la palese difformità emergente dai documenti che sarebbero stati sottoscritti dalla società Siracusa Calcio con i calciatori Daffara, Mancino, Sandomenico ed altri documenti sottoscritti dalle stesse parti peraltro nella stessa data". Penalizzazioni - Il TFN infligge 6 punti di penalizzazione in classifica all’Arezzo, 4 punti a Siracusa e Vicenza e 2 all’Akragas. Mentre la Corte Federale d'Appello restituisce un punto al Catanzaro. Classifica - Si sarebbero dovute disputare sei giornate nel mese di marzo, ma il primo fine settimana è stato caratterizzato dal maltempo a flagellare soprattutto il nord. Ciò ha impedito il regolare svolgimento di molte gare, con una nona giornata di ritorno giocata a spizzichi e bocconi per quanto riguarda il Girone A e il B. Classifica che quindi ne ha risentito visto che solo ad aprile si è potuto recuperare le gare. Detto questo il mese si è chiuso con i seguenti piazzamenti: nel Girone A Livorno in vetta con 2 punti di distacco dalla Robur Siena (ma due gare in meno per gli amaranto e una sola in meno per i bianconeri), in coda il Prato a -6 dall'Arezzo (lanieri con tre gare in meno e amaranto con ben quattro gare in meno). Nel Girone B Padova sempre in fuga a +8 dalla Samb mentre in coda c'è un nuovo fanalino: il Vicenza che però ha un solo punto di distacco dal Fano. Nel Girone C tutto aperto in vetta con il Lecce solo a +2 dalla coppia di inseguitrici Catania-Trapani, mentre in coda l'Akragas dice addio già il 31 marzo alla Serie C, non avendo più speranze di poter agganciare il Racing Fondi al penultimo posto, visti i 16 punti di gap. Cambi in panchina - Arriva l'esonero in casa Akragas: Di Napoli viene così sostituito dal suo vice Criaco. Telenovela in casa Livorno con Sottil che presenta le dimissioni, ritirate due giorni dopo per poi vedersi esonerato poco più di una settimana dopo in favore di Foschi. Esonero anche per Pazienza a Pisa (Petrone il suo sostituto), per Cavasin a Santarcangelo (al suo posto Zeman), per Zanini a Vicenza (con il ritorno di Lerda), per Pagliari a Gubbio (sostituito da Sandreani) e per Sottili alla Viterbese (avvicendato da Giannichedda). A Bisceglie, scaduta la deroga di Alberga, arriva in panchina Mancini. Dimissioni infine per Dionigi a Catanzaro (del ds Doronzo e del dg Maglione): pronto l'avvento di Pancaro e come ds Logiudice. Coppa Italia Serie C - Nel mese di marzo si decidono le due finaliste: si disputa infatti la seconda semifinale di andata e le due di ritorno. La Viterbese batte 3-1 il Cosenza per poi vedersi a sua volta battuta 2-1: risultato che premia comunque i laziali. Dopo lo 0-0 dell'andata l'Alessandria sbanca il 'Mannucci' di Pontedera 3-0. Sarà quindi Alessandria-Viterbese la finale. Addii - Il difensore del Pro Piacenza Matteo Abbate, da tempo ai box per infortunio, annuncia il suo ritiro dal calcio giocato: per lui un futuro nel nuovo ruolo da allenatore. Premi - Giovanni Stroppa, allenatore del Foggia, vince il premio Panchina d'Oro speciale Lega Pro 2016/2017 con trentuno preferenze. L'allenatore dei rossoneri arriva davanti a Filippo Inzaghi (16 voti), secondo, ed Attilio Tesser (15 voti), terzo. Extra Serie C - Il 4 marzo il mondo del calcio viene scosso da una tragedia: la scomparsa del capitano della Fiorentina Davide Astori. Il campionato si ferma e anche il posticipo di Serie C Vicenza-Fermana non viene disputato. Nei giorni successivi Fiorentina e Cagliari ritirano la maglia numero 13. Il 29 marzo se ne va anche Emiliano Mondonico.