Top 11 di campionato: a centrocampo c'è il nostro Serrotti

05.11.2019 20:17 di Tutto Siena Calcio   Vedi letture
Top 11 di campionato: a centrocampo c'è il nostro Serrotti

Nel testacoda della tredicesima giornata il Monza piega la resistenza della Pergolettese con due guizzi nel secondo tempo dei suoi giocatori più tecnici: Iocolano e D'Errico. L'unica squadra a tenere la scia dei brianzoli è il sorprendente Pontedera che si aggiudica il derby toscano con l'Arezzo restando a sette punti dalla vetta. Perdono terreno invece Renate e Carrarese. Questa la Top 11 di TuttoC.com.

PORTIERE

Eugenio Lamanna (Monza): i grandi portieri sono quelli che sanno rialzarsi subito dopo un errore. Si riscatta dalla papera col Renate, blindando la porta brianzola.

DIFENSORI

Andrea Mastino (Olbia): Filippi lo sceglie per sostituire l’acciaccato Pitzalis. Ripaga la fiducia del tecnico con una gara attenta.

Manuel Lombardoni (Pro Patria): puntuale e pulito negli interventi. Tiene il punto, leggendo bene ogni situazione di gioco.

Marcello Possenti (Renate): onora la firma sul rinnovo con una prestazione priva di sbavature. Perno della difesa meno battuta del torneo.

Giacomo Quagliata (Pro Vercelli): la freccia mancina di Gilardino è una spina nel fianco per gli avversari. Moto perpetuo sulla sinistra.

CENTROCAMPISTI

Matteo Serrotti (Robur Siena): porta dinamismo e inserimenti nel cuore del centrocampo bianconero. Guida le incursioni offensive.

Lorenzo Remedi (Giana Erminio): fulcro della mediana biancazzurra. Prezioso anche nella fase di non possesso.

Andrea D’Errico (Monza): il capitano non tradisce mai. Corre, inventa e segna pure un gran gol. Leader tecnico della capolista.

TREQUARTISTA

Simone Iocolano (Monza): la qualità vince sempre. Parla la stessa lingua calcistica di D’Errico ed i risultati si vedono. Sblocca il risultato.

ATTACCANTI

Umberto Eusepi (Alessandria): fondamentale, non soltanto per la quinta rete in campionato che decide il derby col Novara ma anche per il contributo che assicura alla squadra.

Caio De Cenco (Pontedera): la sua rovesciata da sogno fa volare i granata da soli al secondo posto alle spalle del Monza milionario. Chi lo avrebbe mai detto?

ALLENATORE

Ivan Maraia (Pontedera): 25 punti in 13 partite sono qualcosa di eccezionale per una squadra che ha come obiettivo la salvezza. La miglior partenza in assoluto è figlia di un grande lavoro sul campo e di una programmazione societaria oculata. Lui ci mette del suo, azzeccando tutte le scelte.