Robur, derby pazzesco: rimontone bianconero ad Arezzo

03.02.2019 19:07 di Tutto Siena Calcio  articolo letto 213 volte
Fonte: TuttoC.com
© foto di Giacomo Morini
Robur, derby pazzesco: rimontone bianconero ad Arezzo
Si è appena concluso il derby tra Arezzo e Robur Siena: 3-3 il risultato finale al termine di una partita pazzesca, senza alcun senso logico, con gli ospiti che nei cinque minuti finali hanno recuperato un triplo svantaggio zittendo una curva amaranto già in festa. La prima occasione del match è però per i bianconeri: al 16', Vassallo lancia in pofondità per Gliozzi che, a tu per tu con Pelagotti, spara addosso all'estremo difensore di casa che salva i suoi con un bell'intervento. Passano cinque minuti e l'Arezzo si porta in vantaggio: errore clamoroso di D'Ambrosio che lascia la sfera al limite dell'area dimenticandosi di controllare il pallone, che termina sui piedi di Buglio, il quale premia l'inserimento di Serrotti che non può sbagliare il più facile dei goal. Al 33', arriva addirittura il raddoppio della truppa di Dal Canto: Cutolo scatta sul filo del fuorigioco, con la complicità della difesa di casa che effettua male la trappola dell'offside, e scavalca l'estremo difensore ospite Contini con uno scavetto perfetto, siglando il 2-0. Al termine della prima frazione, un colpo di testa di Buglio è finito fuori di poco. Si va negli spogliatoi con i padroni di casa in totale controllo della sfida. Nel secondo tempo inizia a cadere una pioggia incessante, che non facilita di certo la manovra delle due formazioni. Se gli amaranto controllano la sfera, dall'altro canto gli ospiti provano a pungere in zona offensiva, senza però riuscirsi. Al 65', Di Livio perde un pallone sanguinoso nella zona mediana del campo. Sala (autore di una grande prestazione, ndr) recupera tutto e serve Rolando: l'attaccante appena arrivato dal Gozzano, salta Rossi come un birillo e incrocia il tiro beffando Contini per un 3-0 umiliante per gli ospiti. Due minuti più tardi, è l'esperto portiere Pelagotti a respingere un tiro ravvicinato di Fabbro che avrebbe potuto riaprire i giochi della sfida. La svolta accade al minuto 85: corner per i bianconeri, stacco di testa del centrale difensivo Rossi, tocco di mano di Remedi e calcio di rigore per la truppa di Mignani. Sul dischetto si presente Guberti che spiazza Pelagotti siglando il 3-1. Due minuti più tardi, è Aramu e saltare Salifu sulla linea dell'area di rigore: il centrocampista scuola Fiorentina stende il trequartista senese per il secondo penalty nel giro di centoventi secondi. Calcia ancora Guberti, che spiazza ancora una volta Pelagotti (tirando nello stesso angolo, ndr) e firmando il 3-2. Risultato provvisorio, perché Aramu serve Gerli, il quale apre ottimamente per Pedrelli: cross al centro per Cianci, che viene anticipato da Pinto, la sfera termina sui piedi di Arrigoni che fa partire un tiro incredibile che finisce nell'angolino basso alla sinistra dell'estremo difensore Pelagotti: una partita incredibile, pazzesca. Un derby davvero senza alcun senso logico. In cinque minuti, la Robur ha zittito i tifosi amaranto, che stavano già festeggiando quella che, fino a pochi minuti prima, era una vera e propria umiliazione per il Siena. Il calcio è strano: questa sera abbiamo avuto una lampante dimostrazione.