Siena, è finita di nuovo: cronaca di un disastro annunciato?!

06.08.2020 13:09 di Tutto Siena Calcio   Vedi letture
Siena, è finita di nuovo: cronaca di un disastro annunciato?!

Alzi la mano chi aveva qualche dubbio sul triste epilogo che avrebbe coinvolto il Siena Personalmente nessuno! Da mesi si sapevano delle gravi difficoltà in cui versava la gloriosa compagine toscana e dei debiti contratti. Con tanto di stipendi di febbraio non saldati. Numeri pesanti per la categoria e che difficilmente avrebbero portato a una svolta societaria. A meno di non passare dalla padella alla brace. D'altronde di avventurieri pronti a banchettare in un club sull'orlo del baratro ne abbiamo visti tanti, pure troppi in questi anni di Serie C/Lega Pro. Ogni estate sempre la stessa storia. Eppure quando qualche mese fa avevamo provato a sollevare dubbi e perplessità sul futuro del club le risposte erano state improntate all'ottimismo. D'altronde sui social del Siena come ultimo comunicato appaiono le dichiarazioni di Anna Durio in cui garantiva testualmente che "L'iscrizione al campionato sarebbe stata garantita entro i termini previsti". Una bella favoletta alla quale avevano creduto molti tifosi bianconeri, -scrive il collega editorialista di tuttoc.com Nicolò Schira- illusi dalle reiterate promesse di iscrizione tra varie e pittoresche cordate interessate a rilevare il Siena. Mesi di chiacchiere fumose per poi provare una disperata corsa contro il tempo nelle ultime 24 ore tra incontri negli uffici del commercialista Turchi con gli armeni di Berkley Capital e la speranza di un bonifico da parte di FramGroup per saldare stipendi e completare iscrizione (1,3 milioni di euro). Sei anni dopo il crack Mezzaroma il calcio a Siena scompare di nuovo dal mondo professionistico. E pensare che solo due anni fa i toscani erano arrivati a un passo dalla B. Dalla sconfitta in finale Playoff col Cosenza l'inizio della fine. Tra investimenti esagerati e scelte scellerate tra management (troppo sottovalutato l'addio di Dolci...) e mercato. Ora tocca pagare il conto. Salatissimo e amarissimo per il popolo senese...